Dichiarazione Ambientale dei Rifiuti – MUD 2018

dichiarazione-ambientale-dei-rifiuti-mud-2018-quamsi

Modello Unico Dichiarazione Ambientale (MUD)

La dichiarazione ambientale da trasmettere entro il 30 aprile 2018

MUD 2018 dichiarazione ambientale entro il 30 aprile 2018

Sulla Gazzetta Ufficiale il 30 dicembre 2017 è stato pubblicato il Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri recante “Approvazione del Modello Unico di Dichiarazione ambientale per l’anno 2018“, che riporta il modello di dichiarazione e le istruzioni per la presentazione della stessa.

Novità

Soggetti obbligatori-MUD2018-QUAMSI

Le novità riguardano le modalità di presentazione della Comunicazione Rifiuti Semplificata che dovrà essere compilata esclusivamente utilizzando l’applicazione disponibile sul sito www.mudtelematico.it, non potrà quindi essere compilata manualmente e dovrà essere inviata a mezzo Posta Elettronica Certificata (non è più consentita la spedizione postale).

Per tutti i soggetti in possesso di autorizzazione di recupero o smaltimento di rifiuti (anche in procedura semplificata), come novità, è stata introdotta la scheda SA-AUT composta da un insieme di informazioni relative alle autorizzazioni in possesso del dichiarante: tipo di autorizzazione, Ente che ha rilasciato l’autorizzazione e data di rilascio e scadenza, operazioni di recupero/smaltimento autorizzate e capacità complessiva autorizzata.

Novità anche per il CONAI che dovrà comunicare i dati sull’utilizzo annuale delle borse di plastica di materiale leggero, come da art. 220-bis del D.Lgs.152/2006.

Vi ricordiamo inoltre che…

  • l’elenco delle imprese ed enti obbligati non cambia rispetto all’anno 2017;
  • per l’invio telematico i dichiaranti devono avere un dispositivo di firma digitale valido al momento dell’invio;
  • le Comunicazioni devono essere presentate alle Camere di Commercio da chi di dovere esclusivamente via telematica;
  • i diritti di segreteria ammontano a 10,00 € per dichiarazione, e vanno pagati esclusivamente con carta di credito o Telemaco Pay;

Inoltre le associazioni di categoria e gli studi di consulenza possono inviarestudi di consulenza-quamsi telematicamente i MUD compilati per conto dei propri associati e dei propri clienti apponendo cumulativamente ad ogni invio la propria firma elettronica, sulla base di espressa delega scritta dei propri associati e dei clienti (i quali restano responsabili della veridicità dei dati dichiarati) che deve essere mantenuta presso la sede delle medesime associazioni e studi.

Non esitate a contattarci in merito!

Condividi l'articolo

L'Autore

Commenti

Nessun commento

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Login