Rischio chimico e pittogrammi di pericolo

ghs-quamsi

Una delle principali cause di incidente nei luoghi di lavoro è la mancata conoscenza da parte dei lavoratori degli agenti chimici che vengono manipolati ed utilizzati.

Per individuare la pericolosità degli agenti chimici è stato sviluppato un Sistema Globale Armonizzato (GHS) per classificazione ed etichettatura delle sostanze e miscele; tale sistema nell’Unione Europea è stato adottato attraverso il Regolamento (CE) n. 1272/2008 e s.m.i., definito anche “CLP” del Parlamento Europeo e del Consiglio del 16 dicembre 2008, riguardante la classificazione, etichettatura ed imballaggio delle sostanze e delle miscele. Questo Regolamento modifica anche il Regolamento CE n. 1907/2006 e s.m.i. definito REACH e riguardante registrazione, valutazione, autorizzazione e restrizione delle sostanze chimiche.

Il CLP definisce 28 classi di pericolo:

  • 16 classi di pericolo fisico,
  • 10 classi di pericolo per la salute umana,
  • 1 classe di pericolo per l’ambiente,
  • 1 classe supplementare per le sostanze pericolose per lo strato di ozono.

Le indicazioni di pericolo, cioè frasi associate a determinate classi e categorie che individuano la natura ed il grado per pericolo, sono suddivise in base al tipo di pericolo trattato e precedute dalla lettera H:

  • H2… Pericolo fisici,
  • H3… Pericoli per la salute,
  • H4… Pericoli per l’ambiente.

Il “Manuale per la valutazione del rischio da esposizione ad agenti chimici pericolosi e ad agenti cancerogeni e mutageni” raccoglie molte informazioni per saper leggere le etichette, le schede di sicurezza ed avere un’opportuna conoscenza riguardo le sostanze chimiche manipolate.

Di seguito si riportano i pittogrammi e le indicazioni di pericolo che si possono trovare sulle etichette delle sostanze e delle miscele e che permettono di comprendere con quale agente chimico si sta operando.

Pericoli fisici

Pericoli fisici

Pericoli per la salute

Pericoli per la salute

Pericoli per l’ambiente

Pericoli per l'ambiente

Controlla sempre l’etichetta del prodotto per conoscerne gli utilizzi possibili, con quali sostanze ed in quali modalità può essere manipolato. La scheda di sicurezza invece dà indicazioni in merito ad eventuali procedure di primo soccorso in  caso di ingestione, inalazione e contatto diretto con la sostanze/miscela. Assicurati che la scheda di sicurezza in possesso sia sempre aggiornata, altrimenti richiedila al tuo fornitore, che è obbligato a consegnartela nella lingua del paese di distribuzione e completa delle sue 16 sezioni.

Leggi anche i nostri articoli:

Condividi l'articolo

L'Autore

Commenti

Nessun commento

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Login