Dal 1° luglio 2017 produttori e importatori potranno immettere sul mercato Ue solo cavi elettrici che rispettino il Regolamento Prodotti da Costruzione – CPR UE 305/11

Con la pubblicazione della norma EN 50575, nell’elenco delle norme armonizzate per il Regolamento CPR 305/2011, Com. 2016/C 209/03, anche i cavi elettrici, soggetti già a marcatura CE per la Direttiva Bassa Tensione 2014/35/UE, dovranno essere marcati CE anche ai sensi del Regolamento CPR.
Per i cavi, la Commissione Europea ha deciso di considerare, all’interno delle caratteristiche ritenute rilevanti ai fini della sicurezza delle costruzioni (7 requisiti di base), la reazione e la resistenza al fuoco in caso di incendio.

Dopo il 1° Luglio 2017  i cavi non marcati CE potranno comunque essere utilizzati:
– in applicazioni differenti da edifici ed opere di ingegneria civile;
– al di fuori dell’Unione Europea (export).

L’Aice (Associazione italiana industrie cavi e conduttori elettrici) ha pubblicato un’utile opuscolo con tutte le informazioni, di seguito un’estrapolazione:

aice_anie_schema.jpg

Tutti i nostri articoli pubblicati in questa pagina possono essere cercati tramite la barra di ricerca qui sotto: